La mossa migliore?

saldiSaldi. Per l’ennesima volta in un anno i commercianti vendono la merce in sconto.

Negli ultimi tempi accade così spesso che ormai io e le mie amiche ci chiediamo: ma non farebbero prima ad abbassare i prezzi punto e basta?

Oh certo, così dovrebbero vendere più prodotti per avere lo stesso guadagno ma a nessuno è venuto in mente che magari funzionerebbe? E magari venderebbero, anzi guadagnerebbero, molto di più?

Per carità, non sono un’economista, e non conosco così bene le regole del mercato e le implicazioni finanziarie che ciò comporterebbe, mi limito al buon senso e ragiono in base al mio comportamento da consumatrice. Innanzitutto, personalmente mi rifiuto di spendere più di una certa cifra per un prodotto (ritengo che per ogni cosa non è etico chiedere più di tot), ed in secondo luogo se ho somme di denaro ridotte, compro beni che costano poco, e se tutto costa troppo compro solo ciò che è assolutamente indispensabile. Se, invece, i prodotti costassero meno comprerei di più, e più cose e magari mi toglierei qualche sfizio. E siamo sicuri che sia l’unica a comportarmi così? Se sono solo io a fare spese in questo modo, allora il mio ragionamento va sicuramente cestinato, ma se fossimo, invece, in molti  (com’è probabile che sia)?

Se i beni costassero meno, tutti compreremmo di più ed allora, aumentando la richiesta, dovrebbe aumentare anche la produzione. E se aumenta la produzione ci sarà bisogno di più lavoratori, giusto? Ed allora, in teoria, aumenterebbe l’occupazione e quindi tutti avremmo più soldi da spendere e ripartirebbero i consumi.

Ripeto: non sono un’economista e ragiono solo col buon senso, ma dati gli ultimi dati sulla povertà e la disoccupazione forse il sistema è da rivedere … forse …

A voi le conclusioni!

Immagine tratta da: griotemporio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *