Ma non cambia mai niente?

Fine agosto 2013. Un altro anno quasi passato e siamo sempre punto e daccapo.

Non so cosa mi abbia sdegnato di più in questi mesi, se i comportamenti razzisti nei confronti del Ministro Kyenge (non sarà mica invidia perché è una donna che si è affermata nonostante tutto?!), che nel 2013 non dovrebbero più esistere; o la polvere negli occhi buttata addosso agli Italiani (all’italiano medio importa poco e niente dell’Imu, si preoccupassero piuttosto di corruzione, disoccupazione, pensioni, rilancio dei consumi, ecc…); oppure il movimento 5 stelle, che invece di limitarsi a cacciare chi la pensa diversamente, protestare e inneggiare a nuove elezioni (come fossero la panacea di tutti i mali), potrebbe darsi una mossa e proporre qualcosa di costruttivo e fattibile (e notare che questo sarebbe il nuovo che avanza).

Oppure vogliamo parlare della mania di salvare Silvio a tutti i costi (manco per Gesù Cristo c’è stato tanto movimento), anche mandando all’aria un Governo faticosamente istituito ed alle prese con una situazione tanto complessa. O delle 1000 correnti all’interno del PD..ma creare più di un partito se non siete d’accordo su niente?!

Ce ne sarebbero molte altre di cose..ma dovrei dilungarmi troppo. Quello che invece mi chiedo è perché non ci sia una reazione da parte dei cittadini. Ma non ci siamo rotti? O è perché pensiamo che tanto la nostra voce passerebbe sotto silenzio? Ma sarebbe davvero così se cominciassero a ribellarsi 20, 30, 40 milioni di persone??

O forse la realtà è che in fondo ci va bene così…e allora ha ragione chi dice che ogni popolo ha il Governo che si merita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *