Appello dell’Associazione “Resistenza” di Scampia

Riportiamo l’appello dell’Associazione “Resistenza” di Scampia, che si occupa di lotta all’illegalità e alla cultura camorristica, impegnata nel recupero dei minori “a rischio” del quartiere napoletano:

Egregio/a giornalista

Le scrivo in quanto presidente di una organizzazione di volontariato di Scampia/Napoli, l’associazione (R)ESISTENZA – associazione di lotta alla illegalità e alla cultura camorristica – da anni impegnata nel recupero dei minori “a rischio” del quartiere. Nel 2008 dopo aver avviato un percorso di reintegro, recupero e sostegno scolastico per i minori e dopo aver miracolosamente riportato a scuola decine di ragazzi, strappandoli dai letti, vestendoli e trascinandoli a scuola, ha dovuto abbandonare le attività perché costretta ad arrangiarsi in uno scantinato al buio, umido, basso e stretto. Da quell’anno sono cominciate richieste e sollecitazioni al Comune per una sede. Constatata l’indifferenza delle istituzioni a delle richieste così generiche ci siamo messi alla ricerca di strutture idonee fino ad individuarne una ben precisa, un ex istituto professionale da anni in disuso e abbandonato a se stesso, all’incuria, al degrado e ai tossicodipendenti che li si sono acquartierati. Lo stabile infatti è adiacente al Lotto P, le famigerate “Case dei Puffi” nel cuore del rione 167 di Scampia. La struttura, per l’ubicazione che ha, nascosta da una chiesa, non visibile dalla strada e in prossimità di una “piazza di droga”, è diventata non solo il quartier generale dei tossicodipendenti ma sede improvvisata per lavori momentanei da parte dei camorristi di turno. Da un anno le nostre richieste, all’intera giunta comunale e agli assessori competenti, per un comodato d’uso con l’onere a nostro carico della ristrutturazione e messa in sicurezza dello stabile sono stati letteralmente ignorati, nemmeno risposte negative, il silenzio assoluto. Eppure abbiamo presentato nella richiesta il progetto di trasformazione dello stabile in

. Una casa famiglia per il recupero dei “minori a rischio”, convenzionata con il Tribunale per i minorenni di Napoli e non solo

. Un centro di formazione professionale di mestieri artigianali sia per i ragazzi della casa famiglia che del quartiere;

. Una “scuola di legalità” e di un polo delle associazioni.

Insomma progetti utili, sostenibili e “nobili”. L’intero progetto è piaciuto  ad alcune associazioni, gruppi di persone  e realtà non Campane tanto che da Milano ci sono arrivate 5 chitarre elettriche, 2 pianole professionali, amplificatori, 7 postazioni informatiche complete, altre 2 postazioni informatiche da Palermo e ancora da Milano la disponibilità a contribuire economicamente con una somma fino a 10 mila euro per l’acquisto di una sede per l’associazione!

All’iniziativa aderiscono moralmente personalità del mondo dell’antimafia, dell’anticamorra e della lotta alla illegalità come ad esempio

–       Pino Masciari: testimone di giustizia da 16 anni sotto scorta;

–   IMD: acronimo del poliziotto della squadra speciale “Catturandi” di Palermo;

–       Don Aniello Manganiello: prete “anticamorra” di Scampia;

–       ‘A67: gruppo musicale anticamorra di Scampia;

Due laboratori quindi, quello di informatica e musicale, bloccati da un irresponsabile silenzio da parte del istituzioni. Eppure si dice che a Scampia mancano le opportunità, mancano le alternative… forse quel che manca è solo una classe dirigente responsabile e una “stampa” attenta a certe storie.

Le chiedo di dar voce alla nostra denuncia con qualunque mezzo a sua disposizione

per info www.associazioneresistenza.com

Ciro Corona per (R)ESISTENZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *