“Io sono la realtà, voi la fiction”

Qualche giorno fa sono andato a vedere “Qualunquemente“. Ero già un po’ preparato sul tipo di commedia ma devo ammettere che il film mi ha colpito molto e ha lasciato un certo disgusto e rabbia , non tanto per il film in sè, ma per la realtà rappresentata. Guardare Cetto La Qualunque nei suoi sketch di 5 minuti in tv può far sorridere. Guardare invece un film di quasi due ore in cui la commedia e la farsa tentano di rappresentare problemi concreti della vita quotidiana suscita tutt’altro che ilarità e spinge lo spettatore a ragionale sulla situazione rappresentata.

Un film che parte da presupposti simili a “Qualunquemente” – ovvero rappresentare in forma comica una realtà tragica – è “La vita è bella” di Benigni. In questo film però lo spettatore si accorge che il male assoluto viene mascherato dall’attore principale  per non far conoscere la realtà delle cose al proprio figlio. Il padre mente al figlio in modo intenzionale ma il resto dellà realtà rappresentata è cosciente della tragedia.

Nel film di Cetto invece, la dura e cruda realtà viene “sbattuta in faccia” così com’è, anche se in termini molto estremizzati. Non c’è nessuno che tenta di coprire la realtà per salvaguardare una figura più debole. La realtà è conosciuta ed evidente a tutti. Ciononostante è difficilmente indirizzabile verso il “meglio”.

Ecco quindi che i fatti rappresentati in forma di commedia (la bomba sotto l’auto, lo scontrino fiscale, la truffa delle elezioni, etc… non posso raccontarvi tutto il film….)  fanno nascere un sentimento di repulsione (almeno per quanto mi riguarda) verso una reltà che sembra incompatibile con i propri principi e la propria esperienza quotidiana. E nasce il disgusto e la rabbia di cui sopra.

Il tutto per dirvi che il film non dovrebbe essere interpretato come “la solita commedia” ma piuttosto come un film di denuncia che, spero, possa sensibilizzare gli spettatori.

D’altronde come Cetto dice: “Io sono la realtà, voi la fiction“.

httpv://www.youtube.com/watch?v=l5109W-8kkg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *