Inquinamento in Valsugana – L’impatto dell’acciaieria

Ieri sera all’auditorium della comunità di valle si è tenuta la proiezione di un filmato che mostrava l’impatto dell’Acciaieria Valsugana sul territorio, realizzato da privati cittadini con strumenti amatoriali. In questo filmato si sono documentate delle emissioni fuori norma che a tutt’oggi, nonostante le recenti modifiche all’impianto di captazione dei fumi, permangono e destano molta preoccupazione.
Queste emissioni, infatti, sfuggono completamente ai filtri e vengono liberate direttamente nell’aria e con sé anche il proprio carico di sostanze tossiche.
Le domande che vengono poste sono le seguenti:

  • Perché fino ad ora non si è ancora provveduto a monitorare le emissioni diffuse liberate direttamente nell’aria senza essere catturate e filtrate?
  • Com’è possibile che queste emissioni continuino ancora oggi dal momento che c’è un custode giudiziario preposto al controllo?
  • Perché le amministrazioni provinciale e comunale hanno sempre voluto tranquillizzare la popolazione senza aver prima considerato ogni eventuale forma di rischio derivante dalle emissioni diffuse?
  • Perché ci si concentra sull’aspetto relativo della concentrazione di inquinanti per normal metro cubo e non su quello assoluto della quantità totale di sostanze tossiche che dipende dalla portata?
  • Perché le analisi sui terreni condotte dall’APPA non sono state effettuate sulla frazione finissima (argillosa) che è raccomandata nel monitoraggio dei metalli pesanti?

Interessanti e puntuali gli interventi del Dott. Cappelletti (introduttivo al video) e del Prof. Piergiorgio Iobstraibizer (nella seconda parte).

E’ stata organizzata una manifestazione per sabato 22 gennaio 2011 in forma di corteo lumaca. Si partirà da piazzale Lenzi alle 8.30 a.m. per arrivare alla Procura di Trento, a cui verrà consegnato il video. Si invita alla maggior partecipazione possibile.

Proponiamo qui il filmato integrale a cui seguirà, tra qualche giorno, la registrazione completa della serata.

Buona visione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *