Bruno Tinti presenta “La Questione Immorale”

L’assessore è stato arrestato, l’onorevole è stato iscritto nel registro degli indagati, il ministro è stato intercettato:

Urge una riforma della giustizia!

Il tribunale della libertà ha deciso che il sindaco (che ha dato le dimissioni) non potrà commettere altri reati di corruzione, motivo per cui è stato arrestato, e quindi lo scarcera. Dunque il sindaco è innocente e i magistrati dei persecutori:

Ci vuole subito una riforma della Giustizia!

L’onorevole è stato condannato per favoreggiamento semplice mentre il PM aveva chiesto la condanna per favoreggiamento ai mafiosi quindi l’onorevole è stato ingiustamente perseguitato:

La riforma della Giustizia è una priorità assoluta!

La corte d’appello ha deciso che onorevoli e ministri sono responsabili di corruzione, turbativa d’asta, concussione e favoreggiamento, ma ha escluso l’associazione a delinquere. Non si dedicavano a tempo pieno al malaffare, ma solo ogni tanto.  Sono stati perseguitati da una magistratura politicizzata:

Ci vuole una riforma subito!

Leggendo i giornali e guardando la TV si può avere l’impressione che i giudici non facciano altro che processare i politici, ma non è vero. Sarebbe bellissimo se il malaffare politico venisse scoperto, e sanzionato tutto, ma purtroppo è solo la punta dell’iceberg. Per il resto del tempo, praticamente  il  99% del tempo, i giudici si occupano di un altro tipo di delinquenti, quelli comuni: ladri, rapinatori, spacciatori di droga, assassini. Si occuperebbero anche di evasori fiscali, falsificatori di bilancio e bancarottieri; ma questi, spesso, appartengono all’altra categoria di delinquenti, quella dei politici, e allora la legge è congegnata in modo che questi processi non si riescano a fare.

Uno dei motivi principali per i quali passano queste convinzioni, per cui le vere intenzioni delle leggi emanate o delle riforme previste passano sopra le nostre teste come la verità assoluta, è la disinformazione e la difficoltà per un cittadino comune di accedere alle informazioni sull’attività del parlamento o di addentrarsi nei meandri delle norme della giustizia, di leggi e decreti, materie piuttosto ostiche ai non addetti ai lavori.

Bruno Tinti, ex magistrato e procuratore aggiunto, è stato docente di diritto penale, consulente al ministero della Giustizia, specializzato in informatica giudiziaria; autore di Toghe rotte e La Questione Immorale”; collaboratore del Il fatto quotidiano e autore del Blog Toghe rotte”, sarà nostro ospite e, grazie alla sua esperienza, la chiarezza e l’ironia che lo contraddistinguono, ci aiuterà a capire  perché le cose vanno così male nella giustizia italiana.

Appuntamento sabato 10 aprile, ore 20.30, presso la Sala Rosa della Regione in Piazza Dante n. 16

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *