Bruno Tinti a Trento

La giustizia più lenta d’Europa in un Italia che, dati alla mano, vede i propri cittadini annoverati tra i più “litigiosi” degli Stati membri. Questo in estrema sintesi è quello che ci dice l’ultimo “Rapporto di valutazione dei sistemi giudiziari europei” del Consiglio d’Europa datato 5 ottobre 2006 e prodotto con cadenza quadriennale (è in preparazione quello del 2010¹).

L’Italia risulta infatti essere:

• al primo posto per numero di cause pendenti (in materia civile: ben 3.687.965 nel 2006, segue la Francia con “sole” 1.165.592 cause; in materia penale: 1.204.151 in Italia, segue la Germania con 287.203)

• al terzo posto nell’aumento annuale del numero di cause in corso

• al terz’ultimo posto nel rapporto tra numero di cause litigious e non-litigious (ad es. conciliazioni stragiudiziali)

• fra gli ultimi per durata dei processi sia in materia civile che penale

Su questo tipo di problematiche il governo risponde con provvedimenti come “il processo breve”, tagli alle intercettazioni, dipendenza dei PM dall’esecutivo, non obbligatorietà dell’azione penale.

Bruno Tinti, in occasione della presentazione del suo ultimo libro “La questione immorale“, ci spiega perchè questi metodi non solo non sono i più adatti, ma rischiano di scardinare il sistema giudiziario italiano.

Appuntamento sabato 10 aprile, ore 20.30, presso la Sala Rosa della Regione in Piazza Dante n. 16

Per chi non potesse venire personalmente in loco daremo la possibilità di assistere alla conferenza in diretta streaming cliccando sul video player qui sotto.

Diretta streaming terminata. Potete visualizzare una prima registrazione a bassa risoluzione dell’evento. A breve sarà disponibile un video di qualità superiore.

Live streaming video by Ustream
¹ http://www.coe.int

Approfondimenti:

http://togherotte.ilcannocchiale.it/

http://www.voglioscendere.it/2010/04/05/il_trionfo_del_crimine.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *