La giornata della memoria – ritorno da Milano

Come ormai succede da molti anni il primo giorno di primavera si svolge una manifestazione in memoria delle vittime di mafia..persone che hanno dato la vita per restituire dignità e libertà al nostro Paese, che sono morte per difendere diritti calpestati da poteri arroganti e avidi che, non preoccupandosi di calpestare gli altri, si vogliono arricchire a discapito di tutto e tutti. Quest’anno la giornata della memoria si è svolta a Milano, il 20 di marzo. Il corteo sarebbe partito alle 10.00, ma io alle 7.00 ero già sveglia, in trepida attesa di incontrare tutte quelle persone che credono ancora in un possibile riscatto della nostra Terra, in una speranza futura! Quando sono giunta al luogo di incontro non potevo credere ai miei occhi: quanta gente c’era lì riunita! Quanti gruppi, associazioni, e soprattutto ragazzi e giovani uomini e donne! Tutti lì, composti ma allegri, in attesa di manifestare la loro voglia di cambiamento e il loro rispetto per quanti hanno dato la vita per noi. Mentre mi guardavo introno pensavo che siamo davvero in tanti, e che se riuscissimo ad unire i nostri sforzi e a coordinare le nostre azioni la criminalità organizzata non avrebbe scampo! Pensavo che le morti di Falcone e Borsellino, e di tutti quelli che come loro hanno lottato per sconfiggere questo cancro, non sono state vane perchè sono certa che proprio il loro sacrificio ha permesso che accadesse tutto questo. E pensavo a cosa potrei fare io per contribuire, nel mio piccolo, alla rinascita del nostro Paese.

Il momento più toccante è stato sicuramente la lettura dei nomi delle vittime. Tanti nomi, troppi! Una lista così lunga che sembrava non finire mai! Non li conoscevo tutti, in effetti non ne conoscevo nemmeno la metà, e di questo mi rammaricavo ogni volta che sentivo un nome nuovo, perchè ognuno di loro ha la stessa dignità e merita lo stesso rispetto, ognuno di loro aveva famiglie e amici che lo piangono ogni giorno, quindi ognuno di loro meriterebbe di essere ricordato! Mi sono ripromessa di informarmi sulle loro storie, di capire chi erano e cosa hanno fatto per meritare di essere strappati ai loro cari..non so se riuscirò mai a conoscerli e ricordarli tutti, ma so che non scorderò che ci sono stati!

È stata una giornata indimenticabile e spero di potervi partecipare ogni anno, pregando che quell’elenco non si allunghi a dismisura e che l’anno prossimo si possa dire che molti passi avanti sono stati fatti. Perchè se lo vogliamo davvero la mafia sarà sconfitta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *