Pacher assicura: l’acciaieria verrà chiusa! Buone intenzioni o propaganda pre-elettorale?

A maggio le elezioni amministrative: quanto influiscono queste dichiarazioni sul risultato elettorale?
ALTA VALSUGANA
Provincia COMUNE Popolazione
TRENTO BASELGA DI PINE’ 4427
TRENTO BEDOLLO 1397
TRENTO BOSENTINO 694
TRENTO CALCERANICA AL LAGO 1145
TRENTO CALDONAZZO 2766
TRENTO CENTA SAN NICOLO’ 565
TRENTO FORNACE 1166
TRENTO FRASSILONGO 357
TRENTO LAVARONE 1084
TRENTO LEVICO TERME 6325
TRENTO LUSERNA 297
TRENTO PALU’ DEL FERSINA 195
TRENTO SANT’ORSOLA TERME 906
TRENTO TENNA 850
TRENTO VATTARO 1024
TRENTO VIGOLO VATTARO 1891
TRENTO FIEROZZO 441
TOT. ABITANTI ALTA VALSUGANA 25.530

BASSA VALSUGANA
TRENTO BIENO 441
TRENTO CARZANO 499
TRENTO CASTELLO TESINO 1442
TRENTO CASTELNUOVO 896
TRENTO CINTE TESINO 406
TRENTO GRIGNO 2340
TRENTO IVANO-FRACENA 292
TRENTO NOVALEDO 882
TRENTO OSPEDALETTO 832
TRENTO PIEVE TESINO 772
TRENTO RONCEGNO TERME 2475
TRENTO RONCHI VALSUGANA 385
TRENTO SAMONE 494
TRENTO SCURELLE 1276
TRENTO SPERA 539
TRENTO TELVE 1887
TRENTO TELVE DI SOPRA 612
TRENTO TORCEGNO 679
TRENTO VILLA AGNEDO 811
TOT.ABITANTI BASSA VALSUGANA 17.960
TOT.ABITANTI INTERA VALSUGANA 43.490

Qui sopra possiamo vedere una tabella che mostra tutti i comuni della Valsugana che andranno ad elezioni il prossimo maggio con il numero di abitanti dei vari comuni/aree.


Oggi, domenica 21 febbraio 2010, L’Adige esce con un titolone a 4 colonne in prima pagina: Pacher chiude l’Acciaieria.

Titolo che suona molto di propaganda, visto che nel testo dell’articolo non si trova nessun impegno preciso e programmato per la fantomatica chiusura della fonderia: solo generiche promesse che sono già state fatte nei giorni scorsi e alle quali si aggiungeva anche un molto significativo: “non con i tempi dell’emergenza”. Non v’è alcun dubbio che la politica è sempre stata attenta, soprattutto in periodo pre-elettorale, a dare messaggi forti sulle questioni maggiormente sentite dalla popolazione e quella dell’Acciaieria Valsugana è l’argomento che, grazie soprattutto all’operato dei comitati e dei Medici ISDE, tiene più banco nelle cronache di questo ultimo periodo. Non a caso, credo, si vedono spuntare nelle riunioni dei Barbieri Sleali, membri del circolo del PD che puntualmente si informano su come ci si sta organizzando nella battaglia contro la fonderia.

Proprio nella riunione di martedì scorso si è deciso di fare una serie di conferenze nella maggior parte dei comuni della Bassa Valsugana, per sensibilizzare e informare ancor di più i cittadini (verrà anche proiettato il documentario di Manuel Coser “Diossina: effetti collaterali”). E’ innegabile che questa azione paziente e tenace dei comitati abbia un suo peso in quello che sarà il prossimo risultato elettorale, pur non essendo questo l’obiettivo da raggiungere (i comitati e i medici per l’ambiente svolgono un’azione indipendente da qualsiasi formazione politica); già le elezioni dell’anno scorso hanno visto Borgo Valsugana cambiare la propria amministrazione de-tronizzando l’oramai consolidatissima area di centro-sinistra a favore di quella di centro-destra: è parere di molti che una delle cause principali di questo risultato sia stata la posizione anti acciaieria di Dalledonne, il quale solo successivamente ha seguito una linea molto più moderata.

E’ quindi plausibile aspettarsi che le dichiarazioni di Pacher, proprio perchè non sostenute da un programma certo, mirino principalmente ad evitare un disastro elettorale.

Molti sono gli interrogativi sulle analisi che Pacher sta sbandierando in questi ultimi giorni e che verranno presentati ai sindaci della Valsugana la prossima settimana:

  • Se ci sono già delle analisi indipendenti fatte dalla procura di Trento nell’ambito dell’inchiesta “Fumo negli occhi”, perchè produrne altre? Non si ha fiducia della magistratura? Anche in Trentino assistiamo ad uno scontro fra istituzioni come sta succedendo a livello nazionale?
  • Quale valore possono avere degli esami fatti da un organismo (l’APPA) che è direttamente coinvolta nell’inchiesta della procura?
  • Perchè un appezzamento di terreno che mostrava un tenore di diossine spaventosamente alto non è stato riconosciuto rappresentativo per quel tipo di inquinante mentre in seguito lo è stato per i risultati sui metalli pesanti?

Qui sotto potete visionare il documentario di Manuel Coser prodotto da Current.tv: “Diossina: effetti collaterali”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *